Posts Tagged ‘Scene di Nudo’

h1

Il Drago del Lago di Fuoco: il mostro, lo stregone e il compagno Disney

aprile 14, 2010

Mostri e Disney: poco ET, molto gore!

Esistono film che la Disney non si accorge di quel che sta producendo. Capita a  lungometraggi di animazione, come Le follie dell’Imperatore e Lilo e Stitch, teoricamente nati di rimessa durante il boom digitale, capita ai Pirati dei Caraibi, baraccone estivo dedicato alla giostra di Disneyland divenutto saga fantasy longeva e discretamente  originale, capita in un passato molto remoto, diciamo a cavallo tra il tramonto degli anni ’70 e l’alba di Star Wars, con  Tron e Il Drago del Lago di Fuoco. Molto spesso la Disney fa meglio quando non si accorge.

Vermithrax il Drago del Lago di Fuoco

Il più noto attributo del Drago in azione: la fiatella.

Mentre le sale sono infuocate dal quasi disneyano Dragon Trainer dedico un bell’amarcord scaglioso a quest’ultimo, coproduzione con la Paramount che all’epoca fu un flop abbastanza clamoroso, ma si guadagnò in seguito lo status di film culto. Tra i vari aspetti di merito: gli effetti speciali animatronici, a lungo insuperati, e l’oscurità, realismo e crudezza che investono trama e messinscena.

Si parla di una caccia al drago classica che più classica non si può (nessuna collusione con il mostro), ché perfino San Giorgio avrebbe esclamato: “Questa la so già”. Galen, giovane apprendista mago di non belle speranze, si deve cimentare contro un esemplare piuttosto agguerrito della razza sputa fuoco, Vermithrax Pejorative, che tormenta il regno di Urland in un non meglio precisato alto medioevo mitteleuropeo. La creatura, assai avveduta, esige un cospicuo tributo stagionale di vergini, che nemmeno il più accanito bagnino romagnolo sarebbe capace di eguagliare.

Le cose si fanno presto più interessanti di quanto sembri a una superficiale riassunto. Cacciatore e preda sono sull’orlo della disoccupazione, radicale e definitiva: il tempo dei sortilegi e dei portenti sta per finire, di fronte all’avanzare di nuove forze. Se l’apprendista si aggrappa a quelle poche inutili nozioni apprese come studente neolaureato di scienze delle comunicaz… stregoneria, il mostro non se la cava meglio: Vermithrax è un sopravvissuto, un fossile vivente. Un drago un po’ scassato: i suoi dipartiti compagni di volate, tutti estinti, si libravano alti nell’aria su ali maestose, lui si trascina sotto una montagna con aria un po’ patita, nutrito da un patto, vantaggioso, sì, ma paurosamente simile ad un pensionamento. Il conflitto vede fronteggiarsi le due potenze ataviche del Drago e dell’Ammazzadraghi, ma entrambe sono impotenti davanti ad una realtà mutata che irrompe, al guazzabuglio medievale: tempi moderni!

Femminismo! Durante le sue peripezie, Galen cede alle grazie di Valerian (esibite in una scena allo stagno “vedo nudo” un po’ birichina), una bella fanciulla che ha passato la maggior parte della vita vestita da uomo: uno stratagemma attuato per sfuggire alla cinica lotteria che estrae (in teoria) a sorte la fortunata che deve far da pasto al Drago.  Pur in vesti umili da contadina, priva di armatura scintillante, è animata dai virili, eroici istinti appartenuti alla lunga stirpe fantastica di donne guerriere: a differenza dei trepidi e codardi valligiani, ha abbracciato le ideali e migliori qualità attribuite al masculo sesso (coraggio, decisione, pragmatismo). Basterebbe questo a far parlare (bene) a tutte le suffragette (e Zapateri) del circondario sul sovvertimento dei ruoli canonici tra principi e principesse.

Politica & Scandali! La minaccia primitiva del Drago impallidisce di fronte ad un più spaventoso Leviatano (di Hobbes): il meccanismo che il regno ha imbastito attorno all’esistenza del mostro. La lotteria di selezione (ed eliminazione) delle vittime, in sé democraticissima, produce una pace sociale mostruosa. Vien comodo al re lo spauracchio piroclastico: per tenere a freno le masse contadine ignoranti, affamate e sempre sull’orlo della rivolta, con buona pace di terrorismi bianchi e neri in cavallereschi tempi.

Una classe dominante corrotta a dire poco, personificata dal re Cassiodorus, ha pensato a tutto, compresi magheggi alle urne per evitare che il sacrificio tocchi alla principessa ereditaria: quando lo scandalo, tuttavia, emerge (la regale fanciulla è buona pasta, e non le va di scamparla a discapito della prole villica) non è il padre a pagare, ma lei stessa. Il film rievoca la tragedia di Agamennone e Ifigenia, con quest’ultima che si ritrova le estremità, mangiucchiate da orribili draghetti – Vermithrax, si scopre, è una ragazza madre, che lotta come può per arrabattarsi con famiglia e figli. “Chi è il mostro, ora, chi è il mostro?” chiede, con la bocca piena di piedi.

Vermithrax in volo

La caccia al drago si compie infine con l’annunciata dipartita della bestia, ma lasciando lunghe ombre dietro di sé: da una parte, gli sforzi del protagonista stesso si rivelano vani, dato che a reclamare la testa del mostro è il mentore Ulrich, dato per morto all’inizio della pellicola, miracolosamente risorto in pieno stile Gandalf e sacrificatosi come primo caso di Mago-Bomba della storia per assicurare il drago a miglior vita.

Dall’altra, mentre maghi e apprendisti lottano con il drago alla vecchia maniera, il contado avvicina nuove soluzioni: la conversione al cristianesimo promette una rinnovata unità e forza, ma c’è poco di religioso nell’abbandono dei costumi pagani. Dopotutto, Jacopus, il predicatore errante responsabile dell’evangelizzazione, affrontando vis-a-vis la diabolica creatura, armato solo di bastone e fede, fa la fine dello zolfanello.

La realtà dei nuovi assetti emerge nella scena finale del film, quando Cassiodorus, giunto sul luogo dell’abbattimento del drago, imbastisce una regale messinscena per attribuirsi il merito dell’impresa – come uso dei sovrani di tutte le epoche: il popolo lo fronteggia compatto, osservando dalla sommità di una collina lì vicino. Attraverso una fuga spaziotemporale vertiginosa, il legame in seno alla Chiesa prefigura quello ben più laico dei compagni nel nome del socialismo reale. Questo Terzo Stato d’anticipo avrà i suoi mezzi per opporsi alla forza della tirannide – anche se si può discutere ampiamente dell’ottimismo del quadro. Ai protagonisti, giovane mago e Bradamante, relitti del mondo della fiaba, non resta che defilarsi discretamente e lasciare altri ad affrontare, dopo aristocratiche lotte di draghi e cavalieri, la lotta operaia

Dragonslayer rimane, nel panorama affollato di sword & sorcery facilona del cinema attuale, un film dotato di un fattore di estrema originalità: l’impronta sinistra (in tutti i sensi) del conflitto, frequentata occasionalmente dalla heroic fantasy letteraria, che ha i suoi bravi campioni di marxismo militante, meno su pellicola. Siamo più vicini forse all’horror, più legato ai plumbei anni ’70 che ai gioiosi e poco militanti anni ’80…

Bei baffetti zio Walt!

Malefica, il Drago

Malefica/Drago VS la Bella Addormentata. Nonna Pejorative?

Annunci
h1

Salvate il Vampiro Emo – Puntata 2

gennaio 27, 2010

Ambiguo: il vampiro transgender

Provato e sensibilizzato dalle recenti esperienze, dubbioso sulla sua stessa natura di mostro, come accade a Dracula, il vampiro approda prima sulle pagine e sulla pellicola di Intervista col Vampiro, opere significative per comprendere il vampiro di oggi con le sue paturnie.

Il vampiro Lestat\Tom Cruise è un gran bastardo, il vampiro Louis\Brad Pitt si strugge e lagna. Il primo, cinico, ammazza con biblica magnitudine e cicisbea disinvoltura, il secondo si lamenta. Mi piace pensare che le simpatie del pubblico avveduto corrano al più stronzo del duo,  che la propria natura la ammette senza indorare della pillola; è indubbia l’influenza del secondo su un corso storico del gioco di ruolo, negli anni ’90 avviato alla maturità artistica con Vampiri la Masquerade, assumendo le caratteristiche di medium immersivo e culturalmente “alto” ai confini della performance teatrale prima di ripiegarsi nel nuovo millennio su eccessi  caricaturali e altro genere di maturità che vedono più serrate logiche di produzione e mercato principi (ma è un’altra storia).

Il riferimento al gioco di ruolo non è casuale per una figura di non-morto che, in misura crescente, vuole essere vissuta. Un vampiro di moda, sentimentale, ma combattuto, desiderato e rifiutato dal mondo esprime una concezione abbastanza emblematica del post-moderno, che coniuga l’edonismo diffuso, la ricerca del fascino tout-court con l’anomia e l’insicurezza personale: anche esteticamente, tanto Underworld quanto Buffy sono figliastri dell’immaginario estremo e irrispettoso di confini di genere tipico del gioco di ruolo.

Il vampiro che si rode interiormente diventa emblema del ritorno en masse al succhiasangue come mostro esplicitamente transgender. Lestat, stanco delle moine del collega e convivente, vampirizza una ragazzina, l’acerba Kirsten Dunst che diventa prima figlioccia, poi Lolita-amante di Louis: in tutte le maniere possibili, i Vampiri di Anne Rice e Neil Jordan cercano di rifondare una famiglia su diverse basi, guardando con orrore al nichilismo orgiastico dei simili, capeggiati da un morbidamente sordido Antonio Banderas, ma contemporaneamente toccando territori ben oltre l’hard, con un triangolo amoroso senza direzione né angoli acuti che grida a gran voce tutte le diversità possibili, prima dei Gay Pride al TG. Sono creature costrette a vivere nell’ombra le proprie tendenze, ancora, ma più che mai, stavolta, decise a riconquistarsi “il posto al sole”: l’ombra  dell’outing fiero si estende sul film e fortissimamente sul seguito La Regina dei dannati, film maledetto innanzitutto perché bruttarello assai.

Ma il vampiro homogender senza veli sul grande schermo non è novità assoluta: Martin di George A. Romero e Miriam si sveglia a mezzanotte di Tony Scott sono due buoni esempi di film ad aver ampiamente pubblicizzato la natura intima della creatura. Nel primo, un ragazzo disadattato come tanti accoppa avvenenti fanciulle e ne succhia il sangue tramite cannetta. In casa dello zio, paletti e aglio sono all’ordine del giorno, ma le domande restano aperte fino alla fine: lo zio è un novello Van Hellsing o un mitomane? Martin è un autentico nosferatu o un “normale” psicopatico? Innaturale creatura delle tenebre o figlio legittimo della società? Il film, gelido, asciutto, quasi documentaristico non si pronuncia: si esprime, invece, sulle reticenze del protagonista davanti alle donne. Incapace di uscire da feullettonesche fantasie in bianco e nero, in cui si identifica con il vampiro amante assoluto, pare che le normali modalità di accesso al talamo femminile gli siano negate. Lo sblocco, e la vicina conquista di un’instabile normalità, prima dell’inevitabile finale, avvengono solo dopo il superamento di un altro tabù: bere sangue maschile. La fonte, inequivocabile: un omaccione villoso, campione di libido latina rinvenuto nel proverbiale armadio di una bella signora. Una rivelazione traumatica, ma a suo modo salutare.

Bacio saffico tra Catherine Deneuve Susan Sarandon

In the eighties, vampiresses know how to have fun.

Il secondo film citato, titolo originale “The Hunger”, racconta la storia dal punto di vista dell’altra metà del cielo: Miriam è una vampiressa secolare, di nobile stirpe egizia, che dispensa longevità e giovinezza ad una lunga schiera di amanti; ma la promessa di vita eterna viene ciclicamente tradita e quando giunge la suo ora, l’amante entra nell’arco di 24 ore a  far parte di una simpatica collezione di salme, convenientemente stipata in soffitta.  È l’incontro fatale con un’altra donna che sconvolge lo svolgimento del rito millenario… Incarnazione anni ’80 della mitica Ayesha, l’algida e immortale regina africana inventata sir H. Rider Haggard nel 1895, Miriam, interpretata da Catherine Deneuve, intreccia relazione saffica con la dottoressa Sarah Roberts\Susan Sarandon, dopo aver dato il benservito al declinante John\David Bowie. A parte lo spreco di divi da copertina, star di per sé immortali, il film relega i maschietti a un ruolo del tutto subalterno, con il redivivo Ziggy Stardust,  già un paladino dell’ambiguità, malamente congedato, e  titilla le curiosità un po’ pruriginose e superficiali dei contemporanei con una scena lesbo tra le protagoniste piuttosto famigerata.

Da molti il film è considerato un esercizio di stile un po’ velleitario. Tuttavia Tony Scott, che condivide molto della vocazione e del background pubblicitario del fratellone Ridley, con il suo stile patinato interpreta una dimensione fondamentale del mostro: l’ossessione per la perfezione formale e un po’ borghese, per la salute del corpo, la gioventù come valore cosmetico, il vuoto estetismo e la promiscuità facilotta in cui in realtà è l’atto che precede l’identità – ovvero: si trombi in qualunque modo, purché sia bello. O: sesso sì, ma lesbico!

Giovinezza, primavera di bellezza e vanità delle vanità: saranno i temi dell’ultima puntata di questa trilogia gotica, dove finalmente arriveremo alla parte di più grande interesse, il crepuscolo (Twilight) dei vampiri per mano delle ragazzine…